sabato 16 novembre 2013

Alfano e Berlusconi: divide et impera.


E' inutile negarlo: sono furbi, molto furbi. Hanno capito che per rastrellare qualche voto in più, ora conviene scindere il partito. E' il vecchio schema del poliziotto buono e quello cattivo, nella versione questurina, quello di Martelli e Craxi, nella versione socialista: divisioni fittizie, scopo comune. Alfano abbandona il padre Berlusconi, rivendicando la maggiore età e rastrellando qualche consenso nell'elettorato moderato nel nome della Responsabilità. Il secondo raccoglierà le briciole del consenso della destra populista, quella che ora è calamitato dal Movimento 5 stelle. Il gioco non è difficile da capire: è il vecchio “Divide e impera” coniugato in altro modo.                                                                                                                                                                                                                                                                                                        arz

Nessun commento:

Posta un commento

PROPONI SU OKNO NOTIZIE

OkNotizie