domenica 29 novembre 2015

Cripto pensiero del fascio-leghismo- Terza puntata

Da un ventennio vince (stravince) il pensiero che chiunque, se è in grado di dimostrare sul campo il proprio valore, possa competere ad armi pari con chi ha il titolo di studio che certifica il raggiungimento delle conoscenze e abilità per intraprendere una professione.
C'è chi ( e senza frapporre tra idea e parola un mezzo sorriso) è convinto che un macellaio, esperto nella dissezione della carni animali, possa far lo stesso sulla pelle degli umani.
Sì, d'accordo, ho calcato la mano, ma il diritto di parola e di opinione, mal interpretato da molti, significa strologare, senza la minima conoscenza nel campo, dall'astrofisica alla chirurgia, dalla filologia romanza alla ingegneria civile.
Non calcoliamo, oltre agli spropositi in campo scientifico e tecnico, gli strafalcioni nell'italiano di base che un tempo avrebbero azzerato, con il silenzio imbarazzato di coloro che assistono a simili performance di chi sta proferendo la bestialità, ogni osservazione anche sensata.
Chi lavora in ambito scientifico, si sa, di dubbi ne ha molti e sarebbe anche disposto ad ascoltare qualche parere divergente, mentre chi non ne ha fracassa i cabbasisi all'umanità con la certezza di possedere il verbo ( spesso mal coniugato, però).
L'obiettivo è facile da comprendere: l'ignoranza, insita nel cripto-fascio-leghismo, pretende ( anzi: impone) un diritto di parola abusivo, confondendo, scientemente, il diritto di parola con quello di opinione.


domenica 8 novembre 2015

Succhiare la linfa della protesta, l'ultimo obiettivo del conservatorismo italiano.

So di essere ripetitivo (… e la vecchiaia porta alla ricorsività dei discorsi). Datemi del rincoglionito, non mi offendo, ma è ormai evidente, dopo la manifestazione di Bologna, che l'unico collante della Destra è ormai l'antistatalismo. Ciò spiega l'attrazione verso la Destra di tal fatta di alcune frange minoritarie anarchisteggianti ( nella versione meno solidaristica e più individualista) e , il fenomeno è un po' più inquietante, della Sinistra in libera uscita.
Quel che dovrebbe stupire di più, però, è la vocazione antistatalista di chi dallo Stato ha ricevuto e continua a ricevere, perlopiù in modo truffaldino, prebende sardanapaliche e che dallo Stato pretende, di volta in volta, aiuti, stipendi, posti di lavoro, finanziamenti etc...

Gli antistatalisti, in teoria, dovrebbero essere rivoluzionari, ma , in Italia, solo in Italia, stanno diventando sempre di più dipendenti dal nemico che desiderebbero, a parole, solo a parole, abbattere. Non ultimo risultato di questa operazione mistificatoria è succhiare la linfa della protesta ( che potrebbe essere potenzialmente piuttosto pericolosa se correttamente indirizzata), l'ultimo obiettivo dei conservatori di ogni sorta per mantenere lo status quo.
Temo che ci stiano riuscendo. Perfettamente.
arz62

PROPONI SU OKNO NOTIZIE

OkNotizie