martedì 7 ottobre 2014

Ironia per piccina che tu sia. Hynkler e Chaplin.

Schermata 2014-10-06 alle 19.04.32


I fatti, almeno così come sono stati riportati dai giornali, sono questi: un giovanotto, per spernacchiare le sentinelle in piedi , quelli che fingono di leggere dei libri per condannare silenziosamente le leggi omofile e per sbandierare il primato della famiglia ( insomma, per semplificare, dei catto-nazisti), si è vestito come uno degli Hynkeliani del “Grande dittatore” e, poiché deve essere un amante delle citazioni cinematografiche, per sovrammercato ha esposto ai suoi piedi un cartello che proclamava la solidarietà dei nazisti dell'Illinois alla performance delle sentinelle.
La violenza non va mai giustificata, ma il livello di provocazione era molto alto ( anche se va detto che a fronte di un'ironia di tale portata, pur con l'amaro in bocca, sarebbe stato difficile prendersela con un'iniziativa così dadaista).Se qualcuno tra le sentinelle, però, si fosse adombrato e fosse passato alle vie di fatto, non avrebbe destato scandalo.
Nonnò.
Le “sentinelle” sono state lì a prendersi il pernacchio coram populo ( e, se veramente non c'è stata reazione, a loro va il mio plauso, nonostante disapprovi la loro iniziativa,Voltaire insegna...).
 Le notizie sui tafferugli con gli antagonisti sono, come al solito, piuttosto confuse e, dunque, non mi sbilancio, ma, da ciò che ho capito, sembrano avvenute altrove.
Ci ha pensato, però, la Forza Pubblica a rendere ancor più surreale la situazione : il nazi dell'Illinois è stato fermato e qualcuno sta pensando di accusarlo di “apologia di fascismo”.
Orbene, così va il mondo: Hynkler, indisturbato, è acclamato in piazza e Charlie Chaplin, vestito da Hynkler, se ne va in prigione...
Grande è la confusione sotto il cielo: l'ironia viene presa alla lettera e ciò che esplicitamente intollerante viene preso per una boutade.
arz

Nessun commento:

Posta un commento

PROPONI SU OKNO NOTIZIE

OkNotizie