domenica 3 giugno 2012

Maroni , l'anomalia e il narcisismo della Lega



Nel tentativo di ricompattare un partito allo sbando, Maroni non trova di meglio che rispolverare le teorie complottiste : i soliti “poteri forti”, come occulti tarli, tentano di eliminare l'”anomalia” Lega.
Non sto qui a discutere la questione politica.
E' la parola “anomalia” che mi irrita (... e chi segue il mio blog sa che sono ipersensibile).
Un tempo, diciamo, a spanne, prima del '68, dire di essere “anomalo” non costituiva un motivo di vanto. Tutt'altro. Il distinguersi dalla leggi scritte o non scritte che presiedevano ai difficili ingranaggi sociali di allora comportava una severa condanna pubblica.
Sappiamo che gli anni Sessanta e Sessanta hanno fatto strage del principio di autorità delle Grandi Istituzioni ( Scuola, Esercito, Chiesa, Stato) ed è noto che la stagione delle grandi libertà individuali e dei diritti ( rispetto al proprio corpo, al proprio modo di vedere la famiglia e di relazionarsi con l'altro sesso e con il sesso in generale etc...) ha comportato un giudizio meno severo dei cosiddetti comportamenti “anomali”.
Nell'uso di “anomalia” ( dal gr. “a”, alfa privativo e “nomos”, legge) di Maroni, però, che notoriamente del '68 condanna la stagione delle Libertà e dei Diritti (il bambino) , tranne il suo spirito individualista e , nel contempo, anarcoide (l'acqua sporca) che tanto bene si adatta al suo movimento e ad altri che stanno spuntando come funghi, traspare il vecchio giochetto della Lega: dopo aver governato per un bel po' , essersi beatamente accoccolata sugli scranni del Parlamento, votato le peggio leggi ed appoggiato un alleato improbabile al punto di cadere nel ridicolo ( la votazione su “Rudy nipote di Mubarak” rimarrà alla Storia come un episodio che ha segnato il livello più basso di umiliazione di un'istituzione fondamentale come il Parlamento), si scopre improvvisamente “anomala” rispetto al sistema dei partiti, forchettoni e corrotti come tutti i partiti ( con un'unica eccezione, of course).
La piroetta logica o è”corta” o è troppo “lunga”: la Lega rischia insomma di picchiare o il culo o la testa. L'anomalia della Lega non ha nulla di anomalo: è il solito stile narcisista del bambino che , dopo essersi impiastricciato ben bene le dita di marmellata, non può che negare di fronte all'evidenza o accusare qualcun altro delle proprie colpe ( poteri forti, magistratura, Stato centralista et similia).
Narciso, al quale non conviene affrontare la realtà, pena la sua scomparsa e il dissolvimento delle sue certezze granitiche, è, però, destinato lo stesso a morire, annegato nel trobido stagno della sua stessa immagine riflessa.
                                                                                                                                                 arz©
Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille! Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

Nessun commento:

Posta un commento

PROPONI SU OKNO NOTIZIE

OkNotizie