sabato 29 settembre 2012

Lavitola, Peppino e la Malafemmina

Spunta una lettera di Lavitola, direttore della storica testata socialista "L'Avanti", sul cui contenuto è meglio sorvolare ( voi leggetela tutta, se avete stomaco; per quanto mi riguarda, non ho retto fino in fondo): un verminaio di ricatti e controricatti, una melma di minacce e controminacce ed altro.
 Il mio "graffio di gesso" è rivolto alla forma.
 Il giornalista ( ma ha veramente passato l'esame di giornalista Lavitola? Se sì, mi domando quali siano i criteri per essere giornalisti...) Lavitola si esprime come Totò nel celebre film con Peppino De Filippo ( http://www.youtube.com/watch?v=t_uCgCBg0YA) , costellando il suo testo di una serie di strafalcioni che si possono giustificare solo  in questi casi ( uso lo stile "elenco" lavitoliano):
  •  Lavitola era brillo;
  •  lo scritto non era una lettera, ma un testo dettato ad una Segretaria nel bel mezzo di un lungo e movimentato rapporto sessuale con lei;
  •  il correttore ortografico si è bloccato e il Pc è stato infettato dal virus "Babele";
  •  Lavitola era in stato di grave alterazione psicologica e senza denaro per comprarsi dei sedativi;
  • la lettera è un falso.
Ecco : solo se fosse vera quest'ultima ipotesi, vivremmo in un mondo ordinato.

Un fior da fiore del documento per farvi un'idea ( non ho riportato il mitico "d'avvero" già citato dal blog di Mantellini ):















arz©

 Post ispirato da: http://www.mantellini.it/ da dove ho tratto anche il link per scaricare il documento : http://download.repubblica.it/pdf/2012/cronaca/all-interrogatorio.pdf
Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille! Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

Nessun commento:

Posta un commento

PROPONI SU OKNO NOTIZIE

OkNotizie