sabato 26 gennaio 2013

Monti, il Riformista statico o lo Statista riformista?

A proposito di parole scippate dalla Destra. Monti insiste nel dirsi “riformista”; così ha fatto in più di un'occasione B..
Non sono un politologo ( anzi la mia visione è, more solito, solo umoristica), per cui mi si scusi qualche sbavatura storica e concettuale, ma temo che la parola non appartenga proprio al patrimonio culturale né di Monti né dell'Innominabile.
Sfruttano la vischiosità della parola, ma la privano del suo contenuto storico.
Riformare è ridare forma, insomma cambiare, plasmare una realtà per trasformarla e trasfigurarla.
E Destra e Sinistra vogliono entrambe cambiare: la prima erodendo i diritti delle classi meno agiate a favore delle classi agiate e la seconda (quando non si dica Rivoluzionaria) lottando per estenderli.
Tutto qui. La parola nasce in seno del Partito Socialista proprio in opposizione all'area rivoluzionaria e massimalista (che del riformismo in Sé se ne faceva un baffo perché, assaltando il Palazzo d'Inverno, fa saltare tutti i tappi, strappando le budella a baionettate a chi cerca di contrastarla, fa la cacca nei vasi Ming e stappa le bottiglie della riserva dello czar, dandosi ad orge degne di Sardanapalo, facendo così impallidire qualsiasi “Bunga Bunga” nostrano) .
C'è da domandarsi il motivo per cui uomini di Destra ( presentabile o impresentabile che sia) amino fregiarsi di una “stelletta” che non spetta loro. A mio avviso, è abbastanza semplice capirne il motivo.
La parola “conservatore” non va di moda, sa di muffa, di naftalina se non di formaldeide o , alla meglio, richiama la figura di qualche impiegato mezzemaniche addetto a qualche polveroso scaffale.
Ecco: “riformista” è dinamico e “conservatore” è statico. E la nostra società (borghesissima) ama il dinamismo, ma alla Don Fabrizio, principe di Salina : “Tutto cambia affinché nulla cambi”. 
Insomma un dinamismo statico. Mi ricorda tantissimo il “Festina lente” di Aldo Manuzio rappresentato iconograficamente con il dinamico delfino che si attorciglia sulla ponderosa ancora destinata al fondo del mare.
E pur essendo affascinanti simili metafore sulla disgraziata situazione italiana, vi invito a non andate oltre;-)


arz©
Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille! Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

Nessun commento:

Posta un commento

PROPONI SU OKNO NOTIZIE

OkNotizie