giovedì 8 marzo 2012

Metafore impazzite e turbocapitalismo muscolare alla Fornero





Il piacere della metafora ha sempre affascinato tutti: poeti, scrittori e artisti. Non è patrimonio solo della cultura alta: la metafora domina anche il linguaggio comune e gli dà sale.
Purtroppo, la metafora sfugge di mano facilmente. In molti modi. O è interpretata alla lettera dal nostro interlocutore, lasciandolo con il mascellone lasso e la lingua penzolante o non è una metafora vera e propria, pur avendone le sembianze, e lascia interdetto chi ascolta. Oppure è una metafora DOC, ma “impazzita” : se esplicitata o trasformata in similitudine, versione domata della scalpitante metafora, rischia di essere imbarazzante.
E' il caso dell'ultima uscita della Fornero: "Con un reddito garantito, gli italiani si siederebbero e mangerebbero pastasciutta". Metafora esplicitata e volgarizzata: “Gli Italiani, non appena hanno il culo al caldo, mica hanno voglia di lavorare : cazzeggiano”.
Ditemi se non suona come una delle tante sparate leghiste. L'unica raffinatezza è la sostituzione di terroni con italiani, ma al Nord, datemi retta, quando “Italiano” si usa genericamente e con qualche sfumatura negativa significa “Terrone”.
Anche perché , nello specifico, si evoca la pastasciutta, non la polenta o il baccalà. Et voilà: la professoressa Fornero bosseggia, calderoneggia, maroneggia .
Ricordiamoci, inoltre, che , sempre che la frase riportata sia fedele all'originale, tale sciocchezza le è uscita davanti a delle precarie, il cui reddito, se c'è, non è gentile comparare a quello della docente di prestigio.
Insomma, la docente è docente, d'accordo, ma in questa occasione non è stata per niente signora...
arz©
Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille! Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

Nessun commento:

Posta un commento

PROPONI SU OKNO NOTIZIE

OkNotizie