domenica 23 dicembre 2012

I fossili linguistici ereditati dalla nuova classe politica (Le parole sono pietre)

Leggo con piacere che qualcun altro prova orrore per alcune espressioni che si sono sedimentate nel corso del Ventennio berlusconiano e che sono diventate evidenti fossili espressivi utilizzati anche da chi dovrebbe contrapporvisi.

Indico il sito che ha ben individuato questi resti della nostra coda scimmiesca; vi invito a visitarlo per leggere le acute osservazioni di “nonunacosaseria”( ne vale la pena) .



Riporto qui sotto le espressioni individuate dal blogger con il mio corollario personale.

Corollario personale:
“Se verrò eletto, il primo provvedimento sarà....”. E' ovvio: il primo provvedimento è, per chi pronuncia la storica frase. il più importante, ma si tratta chiaramente di uno spettacolo pirotecnico al contrario: prima i botti che fanno tremare le vene e i polsi, poi i petardini e le scoreggine.

Se verrò eletto, nei primi cento giorni faremo” . I novelli Napoleone non hanno evidentemente studiato bene che cos'è successo dopo i fatidici Cento giorni. L'espressione è solo un'estensione della precedente. Funziona lo stesso se invece dei cento ci fossero mille giorni.

“Siamo noi il vero polo alternativo”. In genere, l'alternativa prevede una scelta tra due. Nel caso specifico c'è un polo, poi un falso polo o più falsi poli e poi un vero polo "antipolo". Sentiamo già un freddo polare, tripolare o quadripolare.

“Siamo contro ogni populismo” . Ogni populista è fiero oppositore di ogni forma di populismo. Quello degli altri, of course. E' evidentemente un'espressione che ogni populista che si rispetti può pronunciare senza arrossire.

Destra e sinistra sono categorie superate” . Tale espressione è foriera di numerosi incidenti stradali e politici. E' una formula che piace molto al trasformismo italiano che sa però sempre ben distinguere tra classi alte e basse.

Non sono io che voglio candidarmi, sono (i cittadini / la società civile / le forze politiche) che me lo chiedono e io sono a disposizione”.
Falsa modestia e ego ipertrofico dei nuovi Cincinnato. Poi , però, gli emuli del condottiero romano, dopo aver servito la Patria, non tornano a coltivare i campi.
arz©
Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille! Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

Nessun commento:

Posta un commento

PROPONI SU OKNO NOTIZIE

OkNotizie