lunedì 12 dicembre 2011

I pensieri sbagliati: a proposito dei fatti di Torino

Dopo i fatti di Torino leggo l'articolo penitenziale del giornalista de "La Stampa":
http://www3.lastampa.it/torino/sezioni/cronaca/articolo/lstp/433907/
Bene benissimo, ma mi si lasci una piccola notazione; i lapsus linguae di questo genere
segnalano un pensiero che è sempre lì lì per emergere.
Sta lì il pericolo del razzismo di ogni tempo e di ogni popolo.
Il Cerbero che è dentro di noi  bisogna ingozzarlo di focacce perché se ne stia buono.
Perché è facile condannare i Cerberoni altrui ( quelli che non solo lo lasciano latrare, ma che "passano all'atto" come si è verificato a Torino), meno facile è rendersi conto che anche in noi albergano pensieri potenzialmente pericolosi ( ...albergano anche nelle minoranze sottoposte a discriminazione e non c'è da meravigliarsene) .
Insomma, alla base c'è il pensiero che spesso emerge nella parola e poi  si trasforma in atto.
Sarebbe bello sopprimere Cerbero (non è facile), ma facciamo sì che non latri liberamente.
Lasciarlo abbaiare ( e c'è un partito in Italia che da vent'anni se la prende sistematicamente e apertis verbis con ogni gruppo etnico minoritario), pensando che "Can che abbaia non morde" è stato ed è un grave errore intellettuale, poltico, strategico ed etico...

©arz 


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille! Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

Nessun commento:

Posta un commento

PROPONI SU OKNO NOTIZIE

OkNotizie