martedì 8 novembre 2011

Traditore

Etimologia Dizionario interattivo etimologico ( Cortellazzo-Zolli)
traditore, s. m. ‘chi tradisce’ (1300-13, Dante; anche in laudi assegnabili al secolo precedente: Monaci 511 e 518), agg. ‘che tradisce’ (1374, F. Petrarca; occhi traditori ‘seducenti’: av. 1321, Dante; vino traditore V. vìno). Lat. tradere, comp. di tra- ‘oltre’ e dare ‘dare, consegnare’, passato, come in altre lingue romanze, alla coniugazione in -ìre. Il lat. tradere “ha insieme i due valori di ‘trasmettere’, ‘consegnare qualcosa a qualcuno’ (un'eredità, una dottrina), e di ‘consegnare con inganno qualcosa al nemico’, ‘attentare alla vita di qualcuno’, assommando in sé i significati dei verbi greci diadídomi e paradídomi. Su di esso ha operato una lunga tradizione cristiana” (Enc. dant.), fondata sul tradimento di Giuda che “consegnò Gesù” (Iudas qui tradidit eum) e di “quei vescovi traditores che al tempo della persecuzione di Diocleziano consegnarono alle autorità i testi sacri” (Migl. St. lin. 42) [...]
Agisce il solito paragone blasfemo: lui, Gesù, e gli altri, i Giuda. L'unto vuole vedere in faccia i traditori dei benefattori... ma se qualcuno dei suoi alleati vuole fucilarli alla schiena (Storace dixit), dovrebbe stare ben attento: rischia di trovarsi sulla stessa linea di tiro...

Nessun commento:

Posta un commento

PROPONI SU OKNO NOTIZIE

OkNotizie